domenica 23 agosto 2009

Nikolaj Gogol' - Le anime morte [1842]


Tutto, nelle Anime morte, è sotto il segno di questa degradante e ormai diabolica trivialità, ma il vero seppure più segreto campione ne è Cicikov, il signore di mezza tacca le cui maniere sono così anonime nella loro squisita affabilità, le parole così attente a non esprimere nessuna opinione, le sembianze così accuratamente levigate, che la sua tonda silhouette, pingue monumento vivente alla legge del comm 'il faut, si spalanca ad allegoria del vuoto e del non essere: è una liscia, gradevole sfera che contiene il nulla.

Le anime morte (Nuovi oscar classici)

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...